Massimo Maspero

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in ESPERTO

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Indice articoli

 

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLA CALVIZIE: A CHE PUNTO SIAMO


Da molti anni ci occupiamo di chirurgia della calvizie e tra i primi abbiamo introdotto in Italia l’ autotrapianto di bulbi piliferi ad unità follicolari, con risultati naturali al punto che nei nostri pazienti non ci si accorge che sono stati operati.
Questa tecnica appare di prima scelta in oltre il 90% dei casi di perdita fisiologica dei capelli (calvizie andro-genetica).
Lo schema dell’ intervento prevede: il prelievo della striscia di cuoio capelluto dalle regioni posteriori del capillizio; il frazionamento della striscia fino alle Unità Follicolari; il posizionamento delle Unità Follicolari stesse nelle zone anteriori.

E’ un intervento che noi effettuiamo  in regime ambulatoriale (o di Day-Hospital), in sala operatoria, in anestesia locale, in presenza dell' anestesista.

La striscia di cuoio capelluto viene prelevata  in regione occipitale, dove i capelli sono più fitti e la cicatrice è nascosta, anche se i capelli sono tagliati molto corti.


La striscia è lunga da 10 a 20  cm e la larghezza di solito non supera il cm: con questi parametri la sutura viene effettuata senza tensione e la cicatrice che rimarrà sarà una linea sottile, praticamente invisibile.

Di capitale importanza la frammentazione della striscia che prevede sempre il rispetto delle unità follicolari

e viene effettuata con l’utilizzo di ingranditori ottici e di un visore a transilluminazione. In questo modo è possibile ottenere innesti di ottima qualità anche quandi i capelli sono chiari o addirittura bianchi.

L’area ricevente viene preparata mediante piccole incisioni con microlame Sharpoint o Nokor di differenti dimensioni.
Particolare attenzione viene posta alla ricostruzione di un’area di transizione, a capelli più radi e irregolari, a livello dell’attaccatura, con notevole beneficio in naturalezza.
Segue il posizionamento manuale degli innesti.
L’intervento dura circa 3 ore.
Il paziente rimane in Clinica un' ora dopo l’intervento e poi va a casa.
Nelle ore che fanno seguito all' intervento nella zona trattata si formano delle piccole crosticine che rimangono circa 7-10gg e poi cadono spontaneamente senza lasciare segni visibili sul capillizio. Il pz si lava i capelli con shampo delicato il giorno successivo all' intervento e poi tutti i giorni fino alla caduta delle crosticine.
L' intervento anche se in anestesia locale viene effettuato in sala operatoria e sempre in presenza dell' anestesista che effettua, se richiesto, una blanda sedazione così da ottimizzare il comfort del paziente.


E’ un intervento che noi effettuiamo in Sala Operatoria, in regime ambulatoriale (o di Day-Hospital), in anestesia locale, ma conl’assistenza anestesiologica.
Nel corso degli anni l’esperienza ci ha indotto a modificare ed affinare alcuni dettagli di tecnica, onde ottenere risultati sempre più importanti.
PRELIEVO
La striscia di cuoio capelluto viene prelevata preferibilmente in regione occipitale, zona solitamente più ricca e dove la cicatrice è più facilmente mimetizzabile (nella foto il pz al termine dell’ intervento: la ferita chirurgica è subito “nascosta” dai capelli circostanti).
Di capitale importanza la frammentazione della striscia che prevede sempre il rispetto delle unità follicolari e viene effettuata con l’utilizzo di ingranditori ottici e di un visore a transilluminazione, cosa che risulta particolarmente utile quando i bulbi non sono scuri, o sono addirittura bianchi.
L’area ricevente viene preparata mediante piccole incisioni. Noi utilizziamo la microlama Sharpoint di differenti dimensioni.

Particolare attenzione viene posta alla ricostruzione di un’area di transizione, a capelli più radi e irregolari, al davanti dell’attaccatura con notevole beneficio in naturalezza.

L’intervento dura circa 3 ore.
Il paziente rimane in Clinica per circa un ora dopo l’intervento e poi va a casa senza bendaggio. Nelle ore successive nella zona operata si formeranno delle crosticine (di piccole dimensioni e comunque mimetizzabili con i capelli vicini) che con i lavaggi delicati che il pz effettuerà già dal giorno dopo si staccheranno in circa una settimana. I capelli cominceranno a crescere a partire dal quarto mese dopo l’ intervento e non cadranno.


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".