Racconti

Scritto da raffaele. Postato in Racconti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Indice articoli

QUELL’ULTIMO   PONTE

Domenica 15/10/2000 alle 11 e 45 mi arriva una telefonata della Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Alpini che trasforma lo stato di allerta in ordine operativo: raduno di tutti i volontari a Sant’Ambrogio. Subito.
In un quarto d’ora preparo il sacco e parto (addio pranzo, proprio oggi che Irene mi aveva preparato la lingua con le olive!). Pioggia battente, strade deserte. A Sant’Ambrogio ci destinano a Bussoleno, ma la provinciale e gli accessi all’autostrada sono già sotto mezzo metro d’acqua. Si ritorna a Rivoli per poter imboccare l’autostrada che fino a Bussoleno è ancora agibile. A Bussoleno avevo  casa quando i miei figli erano piccoli. Lì impararono a conoscere la natura, i fiori, le vigne, l’orto. Lì ebbero il loro primo gattino. Ora siamo alloggiati nelle scuole medie in centro al paese dove già ci aspettano un centinaio di persone evacuate dai vigili del fuoco dalle frazioni a rischio, Foresto, Mattie,  San Giorio e da tutte le case del lungo Dora, persone stranamente silenziose e composte, Molte di loro sono state abbandonate quando avevano già l’acqua alla cintola. Impiantiamo la cucina (gli alpini non la dimenticano mai) e la centrale operativa. Io adibisco un’aula a sala visita e la sala professori ad infermeria con dieci posti letto in branda. Sì, perché nel frattempo è giunto un TIR con 60 brande del Ministero degli Interni, sistemate a due a due in contenitori in tela, complete di cuscini, materassi, lenzuola e coperte, bellissime. Pesano, ma gli alpini non tremano e in breve abbiamo cinque aule adibite a dormitorio, Ricovero subito due fratellini con distrofia muscolare e necessità di respirazione forzata per la notte, un cardiopatico scompensato e la moglie con insufficienza respiratoria grave e necessità di ossigenoterapia 18 ore al giorno, e due diabetiche in fase di scompenso perché fuggendo né hanno fatto l’insulina né l’anno portata con sé. Hò solo dell’Actrapid con me, ma va benissimo, anche se solo a tarda notte riuscirò a portarle sotto i 300 di glicemia. Ora ho un attimo di tregua e vado a vedere il ponte in ferro sulla Dora che è proprio sotto di noi e che ho attraversato tante volte coi miei figli. La Dora è una bestia furiosa e violenta che lo investe a una velocità folle e sta rosicchiando ora per ora il metro di spazio che le manca per sommergerlo. Ritorno più volte a vederlo e temo per lui. A mezzanotte mancano quattro  dita a coprirlo ma lui resiste anche se è già coperto da una montagna di rami e di tronchi. Alle due smette di piovere: una luna splendida si affaccia tra le nuvole e disegna le creste delle montagne. Alle sei vado a vedere il mio ponte, Ha resistito, l’acqua è scesa di un metro e lui, impettito con il suo trofeo di alberi addosso, aspetta solo di essere liberato per ritornare a fare il ponte. 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".