PICCOLA CHIRURGIA

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA ESTETICA

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Volantino

La chirurgia ambulatoriale

  Lo sapevate che anche la piccola chirurgia si puo’ praticare in ambulatorio in tutta sicurezza ?

 DONNA

La tecnica prevede una seduta ambulatoriale programmata per individuare la zona da trattare e in una sola seduta di pochi minuti si possono trattare piu’ zone del corpo contemporaneamente.

Che tecnica si usa ?

 La tecnica usata e’ quella del bisturi a riadiofrequenza iperpulsata. Tale bisturi e’ costituito da un manipolo sul quale si innestano diversi tipi di lama o punta.

Come avviene l’interventino ?

Il medico prima di intervenire si assicura che non vi siano controindicazioni, allergie e poi chiede di firmare il consenso informato. Prima di intervenire il medico concorda con il paziente il tipo di trattamento e la zona da trattare evidenziando il futuro risultato che si otterra’.

FARFALLA

 L’intervento e’ doloroso ?

No l’intervento prevede la somministrazione di diversi tipi di anestesia.

Se l’intervento prevede la rimozione di una parte del derma superficiale allora l’anestesia verra’ praticata apponendo una crema anestetica apposita 30 minuti prima dell’intervento, se invece si prevede un intervento leggermente piu’ profondo il medico somministra un’anestesia locale con micro iniezione locoregionale di anestetico ( come quella del dentista) e si attende che faccia effetto per poi intervenire.

nevi corpo

 CORPO

Si verificano sanguinamenti ?

No mai neanche durante l’intervento e tantomeno dopo.

Il bisturi quando taglia chiude contemporaneamente i vasi e se in alcune evenienze vi fosse uno stillicidio ematico verrebbe attivata una speciale funzione cauterizzante.

 

Vi sono effetti collaterali ?

 

In alcuni casi si verifica un alone di arrossamento attorno alla zona trattata perche’ il bisturi effettua una dispersione termica e la normale reazione del corpo e’ il rossore.

 

Se si avverte bruciore lieve o pizzicorio e’ normale ma se non e’ tollerato si ripratica un’anestesia al fine di trattare la zona in completa analgesia.

 CAPO

Come si tratta la dopo dopo l’intervento ?

 

La zona e’ cauterizzata e la ferita praticata ha gia’ la crosta , pertanto la piaga non e’ sanguinante, e puo’ essere tranquillamente disinfettata a casa con acqua ossigenata che oltre ad avere un effetto antisettico  permette all’escara di seccarsi e cadere prima lasciando la pelle rigenerata sottostante integra come se non vi fosse mai stata nessuna lesione.

 

Il sole fa male ?

L’esposizione ai raggi solari nelle prime settimane va evitata perche’ la pelle rigenerata e’ piu’ sensibile. Sara’ sufficiente usare uno schermo solare SPF 50.

In alcuni casi per chi tende a formare cheloidi ( zona di cute ipertrofica ed anelastica) viene fornita una crema apposita che ne limita la formazione.

 

La cute asportata va esaminata ?

Normalmente le lesioni cutanee asportate sono preventivamente valutate dal medico o dal dermatologo. Se ritenute instabili o dubbie o non vengono asportate oppure il lembo viene inviato al laboratorio per l’esame istologico .

 

Quale applicazioni si trova la tecnica ?

 CORPOCORPO

In campo dermatologico : acne, angioma rubino, angioma stellare,cheratosi seborroica, cicatrici acneiche, condilomi o verruche,lentiggini senili, fibromi penduli,lentigo o nei, neo rilevato, rinofima, xantelasmi ( accumuli di grasso palpebrale), teleangectasie e ectasie venose o dilatazioni dei capillari ( sclerosi), verruca piana, verruca plantare, verruca volgare, calli, e piu’ limitatamente depilazione , blefaroplastica.

La tecnica usa inoltre la riadiofrequenza con un diverso manipolo per effettuare il ringiovanimento cutaneo del viso e il minilifting non chirurgico del contorno occhio con sollevamento della coda del sopracciglio.

 

In campo otorinolaringoiatrico : adenoidectomia, patologie e formazioni del cavo orale, rinite ipertrofica cronica, tonsillectomia, turbinotomia, uvulopalatoplastica, varici locus Valsalvae ( epistassi vasi nasali ectasici che danno sanguinamento).

ORECCHIOCARTILAGINENASO

 

In campo flebologico : capillari ectasie venose ( sclerosi) , piccole varici.( metodo non doloroso).

 VENE

In campo ginecologico : con ansa diatermica abrasione portio uterina, cisti mucose, infezioni micotiche profonde, condilomi, polipi.

 

In campo odontostomatologico : cisti mucose, infezioni micotiche profonde, lesioni da herpes simplex, lesioni neoplastiche benigne, leucoplachie, mucoceli, ulcere.

 

 

Il costo di una seduta e' di 120 euro.

 

 

 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".