Acido glicolico peeling

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in SERVIZI

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

                                                                        

 

Volantino

INFORMAZIONI RELATIVE  AL PEELING ALL’ACIDO GLICOLICO PER SCOPI ESTETICI

Gli effetti degli acidi di frutta e vegetali erano conosciuti già nell’antichità: Cleopatra 

usava bagnarsi nel latte di asina, le nostre nonne usavano il succo di limone per schiarirsi 

la pelle, ecc.

viso
Solo recentemente, negli anni ’70, negli U.S.A. il Prof. Scott ha approfondito le proprietà 

di queste sostanze e le miracolose applicazioni.
L’Acido Glicolico fa parte della famiglia degli Alfaidrossiacidi.
Essi sono una famiglia di acidi presenti in natura a cui appartengono l’Acido Lattico, (dal 

latte acido), l’Acido Malico (dalle mele), l’Acido Tartarico (dal vino), l’Acido Citrico 

(dagli agrumi). Il più interessante per uso dermo-cosmetico è l’Acido Glicolico.
L' acido glicolico (o acido idrossiacetico) è un acido carbossilico e strutturalmente è il 

più piccolo appartenente alla classe degli α-idrossi. Si tratta di un composto corrosivo, 

che a temperatura ambiente si presenta solido, incolore ed inodore. L'acido glicolico viene 

estratto dalla canna da zucchero, dalla barbabietola e dall'uva immatura. Dalla 

polimerizzazione dell'acido glicolico si ottiene l'acido poliglicolico (un polimero 

appartenente alla classe dei poliesteri) sebbene la principale via di sintesi di tale 

polimero preveda comunemente l'utilizzo del dimero dell'acido glicolico (glicolide).
Usi 
Grazie alla sua eccellente capacità di penetrare gli strati della pelle, l'acido glicolico 

viene utilizzato nei prodotti per la cura della pelle, in particolare come "agenti 

esfolianti". Soluzioni con concentrazioni di acido glicolico fra 20% e 80% sono impiegate 

dai dermatologi, ma in commercio si trovano kit per l'applicazione personale con 

concentrazioni più basse, attorno al 10%. L'uso dell'acido glicolico porta ad un migliore 

aspetto della pelle, può ridurre le rughe ed i segni dovuti all'acne o alla 

iperpigmentazione. Quando viene applicato sulla pelle l'acido glicolico reagisce con lo 

strato epidermico superiore, indebolendo le capacità leganti dei lipidi che mantengono unite 

fra loro le cellule epiteliali morte. Tale proprietà porta quindi alla rimozione dello 

strato più esterno di pelle, portando alla luce gli strati inferiori più sani, brillanti e 

di miglior aspetto.



Chi lo puo’ usare ?


L.Acido Glicolico ad alte concentrazioni (50-70%) è utilizzabile esclusivamente per uso 

medico e viene utilizzato per curare delle precise patologie dermatologiche.



Come agisce ?


Ha una duplice azione: la prima è quella di levigare, idratare e conferire luminosità alla 

pelle attraverso una esfoliazione dello strato superficiale della pelle (lo strato corneo), 

stimolando e facilitando il ricambio cellulare, e contrastando così gli effetti 

dell’invecchiamento. Infatti le cellule dell’epidermide (cheratinociti) per azione 

dell’Acido Glicolico,  si moltiplicano promovendo così un notevole aumento dello strato 

spinoso fatto di cellule giovani.
La seconda è quella di attivare i meccanismi fisiologici grazie ai quali aumenta la sintesi 

di collagene, elastina e l’idratazione endogena ottenendo così un miglioramento del trofismo 

generale della pelle.
I meccanismi d’azione dell’Acido Glicolico sono: esfoliazione dello strato corneo, 

ispessimento dello strato spinoso,  aumento di collagene ed elastina.  


-    Invecchiamento cutaneo e rughe:  L’invecchiamento cutaneo è causato superficialmente da 

un’eccessivo accumulo di cellule morte (cheratinociti) che generano un ispessimento dello 

strato corneo, conferendo alla pelle una diminuita luminosità, un’asimmetria di colore, la 

comparsa di piccole rughe, associata ad una diminuita idratazione. Inoltre con l’avanzare 

dell’età vi è una riduzione della produzione di collagene ed elastina; questo contribuisce 

ad una perdita di tonicità della pelle. L’Acido Glicolico, grazie alle sue proprietà, 

permette una migliore esfoliazione delle cellule morte, migliorando il turnover cellulare; 

questo ridona alla pelle luminosità, attenuazione delle rughe, colorito uniforme, migliora 

l’idratazione, e lo stato superficiale della cute diventa compatto e levigato. Inoltre 

stimolando la produzione di collagene ed elastina, migliora il trofismo cutaneo.


-    Macchie della pelle:     Le iperpigmentazioni sono alterazioni del colorito cutaneo, 

che si presentano sotto forma di chiazze brunastre di varia forma e dimensione, che 

compaiono in genere sulle zone esposte al sole (viso, mani, décolleté). Esse sono causate 

dall’attivazione del processo di sintesi della melanina ad opera di diversi agenti, come uso 

di contraccettivi orali, antibiotici, ad alcune sostanze contenute nei profumi, come gli 

psoraleni, ecc.
 In seguito all’esposizione solare le radiazioni UVB stimolano la sintesi della melanina nei 

melanociti.
 L’Acido Glicolico favorendo l’esfoliazione superficiale contribuisce ad eliminare 

gradualmente le cellule pigmentate; inoltre permette una migliore penetrazione 

dell’idrochinone, una sostanza che blocca la formazione della melanina, per cui utilizzando 

il prodotto segue una progressiva riduzione della quantità contenuta a livello della macchia 

ipercromica ed il suo graduale schiarimento.


-     Pelle grassa ed acneica: Il problema della pelle grassa è imputabile a più fattori. 

Stress, cattiva alimentazione, fattori ormonali, scarsa ed inappropriata igiene cosmetica 

della cute, sono alcune delle cause che contribuiscono all’alterazione della produzione di 

sebo da parte della ghiandola sebacea, e questo favorisce l’insorgenza di acne.  
L’Acido Glicolico con l’azione levigante innanzitutto migliora quelle condizioni igieniche 

alterate che sono il terreno dove l’acne si può facilmente attecchire e proliferare. Esso 

rimuove il cosiddetto “tappo cheratinico” che ostruisce i pori e normalizza la produzione 

sebacea, ricreando così le condizioni igieniche ottimali per la normalizzazione del 

problema. In secondo luogo esfoliando lo strato corneo vuole ridurre i segni cicatriziali  

dovuti a pregresse forme acneiche.
Complicanze dei peeling 
Il frosting puo’ comparire qualora la pelle sia supertrattata con l’acido, ma regredisce e 

la pelle si rigenera. Una piccola percentuale di pazienti  può sviluppare una reazione 

acneica post-peeling detta eruzione acneiforme Il trattamento di base è l'antibiotico 

terapia  classica per l'acne . L’iperpigmentazioni post-infiammatorie è un'evenienza che può 

capitare, sopratutto, nei fototipi più alti (lV-V-Vl). La causa più comune è una precoce 

esposizione  al sole. Bisogna, quindi, attenersi scrupolosamente al protocollo cosmetologico 

fornito dal medico, che prevede l'uso quotidiano di schermi solari total block.  

Naturalmente i peeling non vanno fatti in tarda primavera od in estate! Sono trattamenti che 

vanno programmati nel periodo autunno-inverno quando le radiazioni solari sono minime. Le 

reazioni allergiche 
sono un'evenienza rara, ma possono capitare.L’ eritema persistente  viene considerato, 

fisiologico, cioè, normale, un certo grado di arrossamento sino a tre settimane dopo il 

trattamento per i peeling medi.

Controindicazioni ai peeling 
 Gravidanza , aspettative irreali del paziente ,fototipi alti (lV-V-Vl) , diatesi 

fibroblastica (tendenza ad una "brutta" cicatrizzazione, cheloidea) ,  Herpex simplex in 

fase attiva , dermatite atopica , rifiuto da parte del paziente verso la fotoprotezione , 

melasma (iperpigmentazione alla fronte,zigomi,tempie  conseguente all'uso di pillola 

contraccettiva, antibiotici, gravidanza) profondo , orticaria cronica 
Le domande piu’ frequenti

F.a.q


- Come agisce l’Ac. Glicolico? 


L’Acido Glicolico indebolisce il “cemento” intercellulare che unisce le cellule dello strato 

corneo sulla superficie della pelle; ciò permette alle cellule morte di staccarsi, mettendo 

in mostra uno strato di pelle più liscia e soffice. 
Per di più l’acido gli colico aiuta dissolvere il materiale che ostruisce i pori, 

permettendo allo stesso di essere  drenato meglio, diminuendo così la tendenza alle 

formazioni acneiche e comedoniche.  


- Perché migliora l’aspetto della pelle? 


Uno spesso strato di cellule morte sulla superficie cutanea dà una sensazione di pelle 

ruvida, opaca e vecchia. Quando vengono rimosse le cellule che compongono questo strato, si 

ha una pelle più luminosa, liscia, levigata, con un colorito uniforme. L’uso di Ac. 

Glicolico serve a stimolare una nuova crescita cellulare.  


- L’Ac. Glicolico può far diventare la pelle più sensibile al sole? 
 

No,  non  causa  sensibilizzazione   alla  luce  solare; la  maggior  parte  delle persone 

non accusa neppure eccessivi fastidi come rossore o irritazione. 


- Quali complicazioni possono insorgere con il trattamento?


Le applicazioni ambulatoriali possono dare un senso di bruciore che generalmente scompare 

dopo pochi minuti; la durata del trattamento dipende dal tipo di pelle.  In alcuni casi, la 

pelle, si arrossa leggermente soprattutto se è molto sensibile   -    Quali sono le principali indicazioni per questo tipo di Peeling?


Le rughe sottili, la cheratosi attinica, l’acne (sia in fase attiva sia gli esiti 

cicatriziali), le lentiggini, la cheratosi seborroica, il melasma, le macchie solari, le 

pelli molto spesse.



Quanto costa ?

Circa 75 euro a seconda delle sedi trattate.
acido idrossiacetico , AHA o acido glicolico.

 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".