Colesterolo

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in EDUCAZIONE

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

                                                                                                               

Il colesterolo

 

L'ipercolesterolemia, rappresenta una patologia non preoccupante di per sè, ma per i danni che può provocare all'organismo, a partire dall'aterosclerosi con tutte le sue complicanze.

Poichè il colesterolo è presente soprattutto negli alimenti d'origine animale, in pratica i cosiddetti "secondi", si dovrà porre attenzione soprattutto a questi, organizzandoli come segue:

  • 2 volte/settimana: carne;
  • 2 volte/settimana: pesce;
  • 1 volta/settimana: formaggio;
  • 1 volta/settimana: affettato;
  • 1 volta/settimana: legumi.

Le raccomandazioni in generale sono le seguenti:

 

·         mangiare un primo e un secondo al giorno, aumentando il consumo di frutta e verdura;

·         imparare a condire con oli vegetali, meglio se extravergine d'oliva;

·         evitare il grasso evidente degli alimenti;

·         evitare i cibi multicomposti, preferendo quelli semplici;

·         non utilizzare impanature;

·         preferire i metodi di cottura che non richiedenti grassi aggiunti (es. griglia, ai ferri, al cartoccio...);

 

Cibi da eliminare o ridurre, distinti per categorie

latticini: vanno limitati in generale;con il 20-40 % di grassi fior di latte, caciottina,stracchino, grana, parmigiano, fontina, caciotta di pecora, pecorino, provolone,groviera; con il 30-40% di grassi emmenthal,caciocavallo, gorgonzola; con oltre il 40 % di grassi burrini e mascarpone

pane e pasta: non vi sono limitazioni particolari, se non verso biscotti e pasta all'uovo;

carne: frattaglie, fegato, parti grasse del maiale;

pesce: anguilla, capitone, crostacei, mitili, molluschi;

salumi e insaccati: tutti (crudo e cotto magri e bresaola non vanno esclusi ma limitati);

uova: se proprio desiderate, vanno limitate ad un paio ogni 15 giorni;

verdure: nessuna limitazione; aumentare il consumo di legumi per equiparare la riduzione della carne;

frutta: evitare la frutta secca, limitare uva, cachi, fichi e banane;

condimenti: condimenti di origine animale e brodi in genere;

bevande: bevande dolci e superalcolici;

dolci: vanno evitati in generale, soprattutto quelli di pasticceria.

 

Cibi permessi, distinti per categorie

latticini: latte e yogurtscremati, formaggi magri con il 10-20% di grassi quali crescenza, mozzarella, ricotta di pecora, scamorzae i vari formaggi "light";

pane e pasta: non vi sono limitazioni particolari, se non verso biscotti e pasta all'uovo;

carne: pollame e vitello, ben sgrassati;

pesce: nessuna limitazione, oltre quanto detto sopra;

salumi e insaccati: prosciutto crudo e cotto magri e bresaola, con moderazione;

uova: se proprio desiderate, vanno limitate ad un paio ogni 15 giorni;

verdure: favorire il consumo di legumi;

frutta: tutta ottima, escluso la frutta secca, limitando uva, cachi, fichi e banane;

condimenti: olio d'oliva o extravergine;

bevande: nessuna limitazione, salvo quanto riportato sopra;

dolci: limitarli alle occasioni speciali.


 

 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".