Rigenerazione autologa ATR

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA ESTETICA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

INFORMAZIONI CONCERNENTI LA RIGENERAZIONE TISSUTALE AUTOLOGA PRP/ ATR TM

viso

La Medicina Estetica , si differenzia dalla medicina e dalla chirurgia estetica, in quanto persegue una finalità di salute ed equilibrio in senso generale, andando ben oltre il puro obiettivo di “abbellimento” della persona. I professionisti tendono ad evitare gli interventi troppo invasivi, che cambiano l’aspetto della persona; in particolare, non si ricorre più al bisturi se l’inestetismo da correggere si può risolvere con la Medicina Estetica In altri termini, la medicina antiaging non finalizza il suo intervento al miglioramento delle singole rughe o della singola regione corporea, ma al benessere fisico e psichico della persona.

Il conseguimento degli indubbi vantaggi di questa nuova tipologia PRP / ATR™ di approccio medico richiede, però, un più ampio lasso di tempo ed una maggiore attenzione e pazienza da parte dei Pazienti, in vista del conseguimento di un risultato duraturo e continuato, che consenta di rientrare in possesso del proprio pieno benessere psico-fisico.

In cosa consiste questa tecnica nuova e naturale ?

Tutti sanno che l’esercizio fisico regolare e una dieta equilibrata sono due importanti metodi per rimanere in buona salute, sentirsi in forma e avere un bell’aspetto. Ma niente puo’ arrestare lo scorrere del tempo e che ci piaccia o no invecchiamo tutti e i volti lo raccontano. E’ normale che le linee di espressione e rughe facciano parte del processo di invecchiamento, ma possono far sembrare piu’ stanchi, arrabbiati o vecchi di quanto non siate. La struttura della pelle cambia con il passare degli anni e diventa meno elastica e flessibile. Gli strati piu’ profondi della cute (derma) contengono meno cellule grasse e la cute diventa piu’ trasparente, mentre le ghiandole sebacee e sudoripare , che mantengono la pelle elastica, diventano meno attive . Anche i muscoli del volto perdono tonicita’ e la pelle si increspa e diventa rugosa. La cute piu’ vecchia e’ piu’ secca e si rinnova meno rapidamente rispetto a quella piu’ giovane. Tutti questi fattori influenzano l’aspetto della pelle del volto.L’invecchiamento e’ un pocesso fisiologico, molte persone desiderano sentirsi bene per la propria eta’ mantenendo un aspetto naturale e cercando il modo giusto per conseguire questo obbiettivo. La maggior parte dei segni di invecchiamento cutaneo sono legati a fattori esterni che danneggiano il cuore delle cellule: il DNA. Col trascorrere degli anni, la naturale capacità auto-riparatrice del DNA diminuisce e i danni cellulari si accumulano: è questa la causa dell’invecchiamento cutaneo.
I Nucleotidi sono i componenti chiave per la riproduzione, la crescita e le funzioni di tutte le cellule.
La rigenerazione autologa dei tessuti ATR™ ha il compito di rigenerare la pelle grazie ad un tecnica mesoterapica che utilizza piastrine e leucociti bio-attivi del paziente stesso, e i nucleotidi del DNA, con l'obiettivo di rigenerare la pelle e il tessuti ipodermici invecchiati e danneggiati.
L’ATR™ associata con i nucleotidi del DNA realizza una sinergia incredibilmente efficace: la frazione di nucleotidi di DNA, ottenuti da processi di sintesi, ha un ruolo sinergico per la realizzazione di una maggiore e più intensa attivazione di piastrine e leucociti.

In cosa consiste questa tecnica ?

I fillers sono sostanze che vengono inettate nella pelle per correggere gli inestetismi del viso, ed in particolare per rallentare i segni dell'invecchiamento, eliminando rughe e solchi della pelle, e per correggere i volumi del viso (ipoplasia) ed in particolare aumentare il volume di zigomi, mento, labbra. La nuova tecnica Autologous Tissue Refreshing (ATR™) è una tecnica iniettiva di biostimolazione che utilizza il plasma arricchito di piastrine bioattive e leucociti del paziente (PRP -> Platelets Rich Plasma - plasma arricchito di piastrine), con lo scopo di rigenerare la cute invecchiata e danneggiata e i tessuti ipodermici.
Cos’e’ il PRP

Il plasma arricchito in piastrine (PRP) è una concentrazione autologa di piastrine in un piccolo volume di plasma superiore a 1.000.000 di queste per mm3, o 2-6 volte la concentrazione nativa di queste nel plasma ad un pH di 6.5-6.7
Il termine PRP è anche riferito ad un gel piastrinico autologo ricco di fattori di crescita: una concentrazione dei 7 fondamentali fattori di crescita che è stato dimostrato essere attivamente secreti dalle piastrine per iniziare la cicatrizzazione. Le piastrine (o trombociti), sono normali elementi del nostro sangue, di forma tondeggiante, prive di nucleo, derivano dai megacariociti del midollo osseo. Le piastrine hanno una vita media di sei - nove giorni, e il loro numero è normalmente di 200000-300000 per ml di sangue.

Perche’ questa tecnica con questo gel autologo ?

Quando ci feriamo e ci procuriamo una lesione la cute si rigenera perfettamente dopo poco tempo, cio’ e’ merito delle piastrine e dei loro fattori di crescita. Sappiamo che unità di piastrine possono essere preparate per centrifugazione dalle unità donate di sangue intero ottenendo il Plasma Ricco di Piastrine. I fattori di crescita contenuti nelle piastrine sono capaci di stimolare diversi meccanismi cellulari tra cui l'angiogenesi, la chemiotassi dei macrofagi, la Da tutti questi presupposti e documentazioni scientifiche nasce l'idea di utilizzare il Plasma Arricchito in Piastrine (PRP) per stimolare la rigenerazione cutanea: i risultati ottenibili in diversi distretti corporei sono stati discussi in numerose sedi congressuali, evidenziando anche con prelievi bioptici la presenza dopo il trattamento di collageno giovane, collageno di tipo 3°. proliferazione e la migrazione dei fibroblasti e la sintesi del collagene.

Altri professionisti oltre al medico estetico usano tale tecnica ?

In Odontostomatologia e Ortopedia la tecnica PRP (Plasma Arricchito in Piastrine) è già in uso da alcuni anni per favorire e stimolare la rigenerazione ossea sia per l’implantologia che per la guarigione di fratture difficili.
Quindi, mentre le piastrine in toto sono fondamentali per i normali processi di coagulazione, sono i granuli contenuti al loro interno che giocano un ruolo fondamentale nei processi di riparazione e rigenerazione: quelli densi come produttori di serotonina e gli altri come donatori di “Fattori di crescita (PDGF ed altri)”.

viso

Quando e dove serve ?

Quando si vuole un miglioramento della cute per renderla piu’ giovane.Tale tecnica di biorivitalizzazione Ne deriva quindi che possono essere trattate tutte le zone dove può essere necessario migliorare il trofismo cutaneo: oltre al viso, collo e decolléte, anche braccia, interno cosce ed ora anche nella precoce perdita dei capelli. Il trattamento PRP è una metodica biologica che tende a ripristinare le migliori condizioni vitali della nostra cute. Il ringiovanimento cutaneo così ottenuto migliorerà ulteriormente anche l’effetto e la durata di qualsiasi altro trattamento realizzato successivamente.
I risultati ottenibili sono quelli di una vera tecnica di biorivitalizzazione realizzando una cute più tonica, più elastica, più turgida, più fresca e giovane che si può facilmente mantenere nel tempo ripetendo le sedute ogni 2–6 mesi.

Quali zone si trattano ?

Rigenerazione tessutale e ringiovanimento, rughe viso, regione frontale, guance, regione orbitarla, mento, solchi naso-labiali, labbra, cicatrici da acne, mani, decolletè, braccia, interno cosce, addome, smagliature, cicatrici atrofiche.

L’impianto e’ doloroso ?

Il dolore varia in base alla sensibilità individuale (la soglia del dolore è soggettiva), ma dipende anche dalla sede in cui l’acido ialuronico viene iniettato. Le labbra, per esempio, sono particolarmente sensibili ed è quindi opportuno applicare una crema anestetica 30 minuti prima del trattamento; oppure eseguire un anestesia tronculare (tipo quella del dentista), rapida ed efficace. Nell’arco di una pausa pranzo, ci si può sottoporre ad un trattamento con l’acido ialuronico e tornare poi agli impegni della vita quotidiana. Non c’è bisogno di test preliminari ed i risultati si vedono istantaneamente.

In cosa consiste la tecnica ?

La tecnica è molto semplice e praticamente indolore: si effettua un prelievo di sangue intero e lo si fa centrifugare per separare i globuli rossi e bianchi dalla parte liquida dove si trovano le piastrine.
Si preleva questa componente liquida e si aggiunge una particolare soluzione che determina la rottura delle piastrine stesse per realizzare la liberazione dei granuli in esse contenuti, quindi si procede all’iniezione intradermica nella zona che si vuole trattare.

In cosa consiste la rigenerazione ?

L'iniezione intradermica ed ipodermica di plasma autologo arricchito in cellule agisce come una matrice che fa da struttura e da serbatoio di fattori di crescita: formazione di una rete tridimensionale di fibrina, rilascio di fattori di crescita da parte delle piastrine e dei leucociti, chemo-attrazione di macrofagi e cellule staminali, proliferazione delle cellule staminali, differenziazione delle cellule staminali

Cosa mi aspetto dopo l’impianto del gel ?

Un leggero gonfiore e una modestissima dolenza possono essere presenti nelle 24 ore successive dovuti non certamente al liquido iniettato , ma al numero dei piccoli traumi determinato dalle punture fatte. Come per altri trattamenti analoghi di biorivitalizzazione si raccomanda di non esporsi al sole diretto almeno per 48–72 ore. Dopo 3–4 settimane si cominceranno ad apprezzare i miglioramenti che proseguiranno nei mesi successivi.

Quanto durano i risultati ?

Il risultato è parzialmente visibile da subito, ma si evidenzia dopo un certo tempo ( 3- 4 settimane ) in cui avviene la rigenerazione. Effetto filler immediato, progressiva produzione di collagene, normalizzazione dei parametri cutanei. La durata del risultato varia da individuo a individuo, in genere,4- 6 mesi.

Tecnica, risultati e ripresa delle normali attività

Le iniezioni di filler avvengono in regime di day surgery, senza ricovero e le tecniche di infiltrazione (con un ago molto sottile) non necessitano di alcun tipo di anestesia.
Il traumatismo di un filler comporta la presenza di piccoli segni evidenti (possono essere presenti piccoli ematomi riassorbibili in 3-4 giorni) a seguito dell'impianto stesso.
I risultati e la ripresa di tutte le normali attività sono immediati.

viso

Vantaggi

Trattamento delle rughe, miglioramento nella guarigione e delle cicatrici da danni cutanei grazie alle proprietà viscostatiche del gel. Idratazione attiva e endogena, l’acido ialuronico endogeno ha un significativo potenziale idroscopico: riempie lo spazio tra le fibre collagene della matrice cellulare in egual misura, riducendo in tal modo la perdita di acqua. Miglioramento della luminosità della pelle, contribuisce alla formazione di nuovi vasi sanguigni in vivo. Stimolazione della crescita cellulare, proliferazione di fibroblasti giovani e senescenti. Ridensificazione attiva del derma, sintesi dei principali componenti della matrice extracellulare Protezione cellulare, effetti sul livello di perossido di idrogeno e di perossidazione lipidica nelle cellule umane. Rigenerazione visco-elastica, su più di un centinaio di geni coinvolti nella crescita, nella differenziazione, nel metabolismo, nella comunicazione e morte cellulare

La scelta del trattamento e il risultato finale

Prima del trattamento il medico insieme alla paziente verifica alcuni punti fondamentali:
E’ necessaria una indagine anamnestica completa riguardo malattie o allergie del paziente che consente al chirurgo di scartare alcuni fillers o meno, seguita dalla valutazione dell’inestetismo ovvero un check up cutaneo (ruga, piega, depressione) e dalla valutazione delle esigenze ed aspettative del paziente sul piano sia fisico-estetico che psicologico.

Il trattamento è disponibile anche per gli uomini, in modo particolare per le pieghe nasolabiali e le rughe profonde sulle guance.

Controindicazioni all'impianto di filler

Gravidanza in corso , ricerca prole , collagenopatie, herpes in fase attiva, malattie dermatologiche autoimmunitarie, disfunzioni della coagulazione del sangue .

Costo della biorivitalizzazione

E’ importante che il filler abbia un buon rapporto costo-risultato, e che abbia un costo accettabile per il paziente.
Ma, ancor più importante del costo, è la sicurezza del paziente, anche in relazione al risultato ottenuto.
Infatti non si deve mai risparmiare se in gioco vi è la propria salute, o se ciò può compromettere il risultato definitivo.
Il costo del trattamento, dipende anche dalle zone da trattare, ed è solitamente compreso tra 200 € e € 400 €, a seconda che si tratti di riempimento delle rughe, oppure rimodellament o del viso o di estese aree di cute.

 

Commenta


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

Sondaggio

Dimagrire
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:
La Sessualita'
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".