Fatica cronica

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

fiori

Cos’è la sindrome da affaticamento cronico?

In genere, le persone affette da questo disturbo convivono con un forte senso di affaticamento, stanchezza e mancanza di concentrazione, che rende complicato gestire la vita di tutti i giorni. Essere affetti da sindrome da affaticamento cronico vuol dire anche aver escluso, attraverso tutti gli esami possibili, ogni patologia grave e leggera, che potrebbe interferire con la salute del soggetto.

Ecco perché finora la medicina non l’ha mai preso in considerazione: appurato il fatto di non essere affetti da nulla, rimane la definizione di “malato immaginario”. Non aiuta nemmeno la descrizione dei sintomi, troppo vari per poter risalire a qualcosa di concreto.

Quali sono i sintomi della sindrome da stanchezza cronica?

I pazienti affetti da questa malattia, negli Stati Uniti, stanno cercando di avere più visibilità, non solo per essere presi sul serio, ma anche per far approfondire la ricerca scientifica proprio su questo disturbo. In genere, le esperienze descritte dai soggetti sono sempre le stesse: ci si sente benissimo, fino a quando non viene una febbre e non ci si riprende più. Praticamente, a detta dei malati, è come non guarire mai davvero. I pazienti, in genere, sono tra i 20 e i 50 anni, principalmente donne, e presentano i sintomi molto vari:

spossatezza fisica
dolori muscolari
dolori articolari
mal di testa
problemi di concentrazione
problemi di memoria
Come si diagnostica la sindrome da affaticamento?

In realtà, non esiste un test per diagnosticare direttamente questo disturbo, ma si procede per esclusione. Dopo che i vari specialisti hanno escluso le patologie con i sintomi molto simili, quali tumori, problemi ai reni, al fegato, disturbi ormonali, autoimmuni e depressione, e se i sintomi si protraggono per molto tempo, allora la diagnosi è fatta. Inoltre, il dato comune è che si soffre di sindrome da stanchezza cronica dopo un’infezione virale.

Qual è il tasso di incidenza?

È difficile stabilire con certezza il tasso di incidenza di questa malattia. Negli Stati Uniti, secondo l’Osservatorio delle malattie rare, non supera probabilmente l’1%.
Da cosa è causato questo disturbo?

In passato, si pensava che questa malattia fosse semplicemente un insieme di sintomi psicosomatici, senza una precisa causa. In seguito, le teorie sono state tante. Secondo molti scienziati era una sindrome cronica da virus Epstein Barr, appartenente alla famiglia degli herpesvirus. Tuttavia, tale teoria è stata ampiamente smentita nel tempo. Alcuni affermano che potrebbe derivare da un’infiammazione al sistema nervoso, altri da una malattia autoimmune, innescata da una infezione. In ogni caso, attualmente non esistono certezze.

Sono stati fatti degli studi?

Attualmente, il National Institutes of Health, un’agenzia del dipartimento della salute degli Stati Uniti, ha annunciato di voler intensificare gli sforzi per far avanzare la ricerca in questo ambito, organizzando uno studio clinico sui pazienti.

Tuttavia, la Gran Bretagna è di parere ben diverso, perché i ricercatori inglesi hanno osservato un forte miglioramento dei pazienti affetti, grazie a programmi di graduale ripresa, con attività fisica e psicoterapia, ponendo in evidenza il fatto che la sindrome da stanchezza cronica potrebbe non essere di natura fisica, ma psicologica.

E anche : Muscoli MIASTENIA Palpebre affaticate Cibo anti fatica FATICA 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".