Prostata e terapia genica

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

prostata

Prostata

È stato appurato che, in combinazione con la chemioterapia, un trattamento chiamato “terapia genica del suicidio” uccide le cellule tumorali della prostata, con risultati di gran successo.

La terapia genica del suicidio

La terapia genica del suicidio è una strategia di modificazione genetica. Le cellule tumorali di un paziente vengono modificate per innescare il sistema immunitario del corpo e attaccare il tumore.

I ricercatori del Methodist Hospital di Houston hanno utilizzato la combinazione del trattamento su 66 pazienti affetti da cancro alla prostata, tra il 1999 e il 2003. I 66 pazienti sono stati divisi in due gruppi, in base alla gravità del loro cancro. Casi meno gravi sono stati trattati con la radioterapia, mentre i casi più gravi sono stati oggetto di attacchi sia dalla radioterapia che dalla terapia ormonale.

Entrambi i gruppi di pazienti hanno anche ricevuto la terapia genica del suicidio. Casi meno gravi hanno subito la terapia due volte nel corso dello studio, mentre i casi più gravi sono stati trattati tre volte.

Entrambi i gruppi di pazienti se la sono cavata bene. Il gruppo di pazienti meno grave vantava un tasso di sopravvivenza del 97%. I pazienti con uno stadio del cancro più avanzato hanno avuto un tasso di sopravvivenza del 94%.

I risultati del tasso di sopravvivenza sono stati del 5-20% migliori rispetto ai tassi di sopravvivenza raggiunti dalle procedure abituali.

I ricercatori presso l’ospedale di Houston sono in grado di manipolare le cellule tumorali della prostata, utilizzando una combinazione di virus. Un adenovirus, come il virus che causa il raffreddore comune, viene usato per fornire un gene del virus dell’herpes di tipo A, direttamente nelle cellule.

“Questa notizia è estremamente positiva per noi, considerando che avevamo pazienti registrati nel nostro protocollo, dopo che altri medici li avevano ritenuti incurabili“, ha detto Bin Teh, oncologo.

“Una volta che il gene del virus dell’herpes viene iniettato, e inizia la produzione di TK (timidina chinasi), abbiamo dato ai pazienti un comune farmaco anti-herpes, il Valaciclovir“, parla Brian Butler, presidente del dipartimento di oncologia di radiazione a Houston. “La combinazione ha attaccato il DNA dell’herpes e la produzione di cellule tumorali della timidina chinasi, che si sono auto-distrutte, motivo per cui la procedura si chiama terapia genica del suicidio“.

“Abbiamo creato un vaccino con le cellule tumorali del paziente, un trattamento che integra, e può anche migliorare, quello che possiamo ottenere con le radiazioni tradizionali e le terapie ormonali“, ha aggiunto Butler.

I ricercatori, che hanno pubblicato i loro risultati sul Journal of Radiation Oncology, ritengono che la combinazione del trattamento potrebbe presto diventare una pratica comune.

“Crediamo fermamente che questa sarà una strategia di trattamento vitale“, ha detto l’autore principale dello studio, Bin Teh, vice presidente di oncologia di radiazione.

Vedi anche : Eiaculazione e prostata Vita sesso & prostata Sonno e prostata Pomodoro e prostata Prostata Fumo e prostata Peso e prostata Broccoli e prostata Birra e prostata Prostata pesante ? Uomo e prostata Uomo e prostata


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".