Estate

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Comportamento

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

estate

Estate: quali sono i rischi per la salute?


Quando fa molto caldo l'organismo può surriscaldarsi fino a raggiungere temperature molto elevate. Meglio, quindi, cercare tutti i modi possibili per rinfrescarlo e mantenerlo idratato.

A correre rischi è anche la pelle, soprattutto se non viene protetta in modo adeguato. I pericoli sono sia a breve che a lungo termine. Fra i primi spiccano eritemi e ustioni, mentre nel lungo periodo il rischio è quello di sviluppare forme tumorali. Con la bella stagione l'aria si riempie di insetti che possono scatenare fastidiose ma innocue reazioni oppure gravi reazioni allergiche.

Contro le zanzare bastano opportuni repellenti, mentre se si sa di essere allergici ad api, vespe o simili è bene chiedere al medico come comportarsi nel caos in cui si fosse punti.

Frequentando spiagge e piscine è facile anche incontrare dei funghi. Attenzione, quindi, a camminare scalzi su superfici umide, allo scambio di teli da mare e asciugamani e alla cattiva abitudine di indossare indumenti bagnati. Meglio asciugarsi bene dopo ogni bagno o doccia: in questo modo si ridurranno le possibilità di proliferazione dei funghi.

Anche nel cibo possono nascondersi dei rischi. Frutta e verdura potrebbe ad esempio essere contaminati da microbi perché non lavati bene o perché lavati con acqua non sicura. Meglio quindi, se possibile, sbucciare la frutta e, se non si è sicuri dell'igiene, mangiare verdura solo cotta, soprattutto quando si viaggia all'estero.

Il pericolo di infezioni e parassitosi si può nascondere anche in pesce, molluschi e crostacei crudi. Per questo se non si è più che sicuri della loro provenienza è meglio evitarne il consumo. I microbi possono poi essere anche nell'acqua. Il rischio è più elevato quando si viaggia all'estero; nel caso, meglio evitare l'acqua del rubinetto e il ghiaccio e bere solo da bottiglie sigillate.

Quando si viaggia all'estero si può anche correre il rischio di contrarre malattie tipiche della località in cui ci si trova. Esempio classico è quello della malaria. E' quindi importante informarsi con sufficiente anticipo su eventuali vaccini o profilassi cui sottoporsi prima di partire.

Infine, poco pericoloso ma di sicuro fastidioso, anche il jet lag può tormentare le vacanze con una sgradita sonnolenza diurna. Chiedete al vostro medico quali sono i possibili rimedi per evitare di perdervi ore di meritato relax!


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".