Sorriso perfetto

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Comportamento

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

viso

Ci sono buone abitudini che possono toglierci il sorriso. O meglio, possono renderlo molto meno bello e luminoso. Il processo di erosione dello smalto dei denti colpisce tutti, a tutte le età, e il nostro organismo non è in grado di rigenerare lo smalto una volta perso.

Ecco allora cinque abitudini su cui riflettere.

1. L’acqua e limone al mattino.
È il nuovo consiglio salutistico facile da seguire: al mattino, appena alzati, ancora a digiuno bere un bicchiere di acqua calda con il succo di un limone. Per i denti questa è un'abitudine dannosa: il pH è fortemente acido e rischia di danneggiare lo smalto dei denti. Per chi non vuole rinunciare a questa abitudine c'è una soluzione: usare la cannuccia.

2. Lo spuntino di frutta a metà mattina e metà pomeriggio.
In una dieta bilanciata, il consiglio dei nutrizionisti è quello di inserire nel menù giornaliero due spuntini di frutta. Questa però è un'abitudine che non va bene per l'esperta Paola Continolo: la frutta è acida e zuccherina, meglio mangiarla tutta insieme e una volta solo al giorno.

3. Lavare i denti subito dopo il dolce.
Anche questo è un errore. Si rischia di fare più danni del previsto. L'effetto di un alimento acido si manifesta già nei primi tre minuti. Meglio bere un bicchierone d’acqua che aiuterà a riportare il giusto pH all'interno della bocca.

4. Le centrifughe al posto del pasto
Meglio puntare sulle verdure a foglia verde. La frutta che di solito viene utilizzata nelle centrifughe è spesso acida. Il limone in questo senso è ancora più pericoloso dell’arancia. Sono frutti semiacidi anche frutti apparentemente innocui come le mele, l'uva e i frutti di bosco. Nel caso di estratti meglio scegliere il metodo di spremitura lenta.

5. Eliminare i grassi e il cioccolato
Per assumere dai cibi tutti i nutrienti necessari è importante la presenza dei grassi nei nostri pasti. Da preferire grassi monoinsaturi come l'olio d'oliva e polinsaturi come quelli contenuti nel pesce, nel sesamo e nei semi di lino. Anche sul cioccolato c'è da fare una precisazione: quello fondente, con una quota di cacao pari all'80 per cento, è anticarie e antibatterico.


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".