Ictus e rischi

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ictus i sintomi chiave.


Molte persone pensano che l’ictus sia un problema di cui devono preoccuparsi soltanto gli anziani, ma in realtà si sbagliano.

La maggior parte degli ictus si verificano in persone di età superiore ai 65 anni, ma circa il 10% di tutte le ischemie colpisce anche le persone sotto i 45 anni e le donne sono più a rischio rispetto agli uomini. Infatti, secondo l’American Heart Association, ogni anno più di 100.000 donne di età inferiore ai 65 è colpita da ictus.

Ictus: i fattori di rischio per le donne

Ci sono alcuni fattori per cui le donne tendono ad avere un più alto rischio di ictus rispetto agli uomini. “Il fumo, la pressione alta, il colesterolo alto e il diabete colpiscono entrambi i sessi, ma alcuni fattori di rischio sono riservati alle donne”, dice Andrew Stemer, direttore del programma sugli ictus al MedStar Georgetown University Hospital. “La gravidanza è uno dei fattori di rischio maggiori, in particolare il terzo trimestre e le settimane dopo il parto. Tutto questo ha a che fare con i cambiamenti ormonali. E una gestante si trova a riposo a letto, questo fa sì che il flusso di sangue nelle vene rallenti e causi coaguli”.

Anche le donne che assumono contraccettivi orali hanno un aumento del rischio di ictus. Le donne che soffrono di emicrania con aura (quando il mal di testa è affiancato da un sintomo neurologico, come ad esempio le “scintille” nella coda dell’occhio) sono a rischio più elevato.

Il tipo più comune, l’ictus ischemico (che rappresenta circa il 90% di tutti i casi), si verifica quando un coagulo impedisce al sangue e all’ossigeno di raggiungere il cervello. Oltre a mantenere un sano stile di vita, la migliore difesa è conoscere i primi sintomi e arrivare rapidamente al pronto soccorso.

Ma quali sono i principali segnali di pericolo?

Sentirsi debole o insensibile su un lato del corpo. La perdita improvvisa della forza o non sentire un arto su un lato del corpo è un segno comune di ictus, in particolare se avviene per un braccio o una gamba. Anche un lato del viso potrebbe calare.
Difficoltà a parlare. Questo sintomo si manifesta in diverse forme: il discorso può diventare inceppato o si può avere difficoltà a trovare le parole giuste. In alcuni casi, si può anche lottare per comprendere ciò che gli altri stanno dicendo.
Si presenta un forte mal di testa. Questo è più probabile che si verifichi in presenza di ictus emorragici, che si manifestano quando, invece di un una vena ostruita, si hanno emorragie nel cervello. Gli ictus emorragici sono molto meno comuni degli ictus ischemici, ma hanno un tasso di mortalità più elevato.
Si perde un po’ la vista. I problemi di vista sono molto comuni. Ma invece di perdere la vista in un occhio pieno, è molto più probabile di perdere parte del campo visivo in entrambi gli occhi.
Si verifica la comparsa improvvisa di uno o tutti questi sintomi. Il segno distintivo di un ictus, è l’insorgenza improvvisa di questi segnali di allarme e dovrebbe essere il segnale maggiore che è necessario correre all’ospedale immediatamente. Questi sintomi si manifestano molto rapidamente, ma non devono essere presenti tutti per giustificare un viaggio al pronto soccorso, ne basta anche uno soltanto.

Vedi anche : Ictus Ictus Ictus Colesterolo e fertilita' colesterolo Colesterolo Colesterolo Fumo e decreti Fumo e bimbi Fumo e sonno Fumo e insonnia Fumo e vita Fumo Fumo e rughe Morte e fumo Fumo e girovita Fumo Dieta VLCD Flogosi e dieta chetogenica Ipertensione e sette trucchi IPERTENSIONE SINGHIOZZO Ipertensione consigli Ipertensione .


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".