Counsellor

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in EDUCAZIONE

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Indice articoli

 

Cos’è e cosa non è un Counsellor

 

La traduzione di Counsellor fatta dalla definizione dell’"Oxford Dictionary" recita: "consiglio da un consigliere-consulente". E’ evidente che è una definizione insostenibile sia sotto il profilo linguistico che come definizione di ruolo.

Neppure possiamo abbreviare questa definizione ed usare solo la parola "consigliere" o "consulente", perché daremmo una informazione errata ed inoltre entreremmo in un campo che non è di competenza del Counsellor.
Dunque le parole Counselling e Counsellor non possono essere tradotte perché entrerebbero in conflitto con altri ruoli professionali.

Sono parole internazionali con un loro significato proprio e tali debbono rimanere. Il Counsellor ha un suo ruolo ben definito e non deve essere confuso con un consulente[2]

Sempre per poter meglio chiarire le diverse competenze è necessario a questo punto specificare cosa non fa il Counsellor (se non diversamente autorizzato):

Ø       non pratica la psicoterapia

Ø       non pratica "cure" né "terapie"

Ø       non prescrive né somministra farmaci o rimedi di alcun genere

Ø       non esercita la consulenza psicologica

Ø       non insegna la psicologia in alcun contesto sia formativo che esperienziale

Ø       non trae, dalle informazioni che ottiene, anamnesi, né diagnosi o prognosi

Ø       non somministra test riservati ad altre categorie professionali

 

 

A chi si rivolge il Counselling


Le problematiche di chi chiede l'aiuto possono andare dall'indecisione nella scelta di un lavoro, a un disagio specifico nei confronti di una situazione, dal bisogno di essere incoraggiato in vista di una prova impegnativa, al senso di vuoto di un momento di crisi esistenziale. Ma al di là della diversità di situazioni in cui viene richiesta una consulenza, e delle infinite possibili risposte, vi sono modalità precise da rispettare per fare sì che l'interlocutore possa trarre il massimo beneficio dall'incontro.


Il Counselling è prima di tutto un'interazione, non tra un terapeuta e un paziente, ma tra un Counsellor e un "Cliente", una definizione che chiarisce imme-diatamente
immediatamente una particolarità di fondo di questo rapporto nel quale la persona non si sente connotata come "malata", ma come alla ricerca di una consulenza, intesa come sostegno, per migliorare le proprie relazioni con se stessa e con il mondo. Guardandolo con l'ottica del "bicchiere mezzo pieno, e non mezzo vuoto", il malessere si trasforma da problema a momento di crescita.

 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".