Stipsi infantile

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Alimentazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

intestino

Stipsi nel bambino: quali alimenti aiutano?

 

La stipsi nel bambino è un problema molto diffuso in età pediatrica e raramente è sintomo di una malattia organica. Frequentemente si tratta di un problema funzionale, legato all’alimentazione e/o a problemi comportamentali.

Ad esempio l’associazione al fatto di aver vissuto defecazioni dolorose e la conseguente decisione inconscia di rimandare l’evento per non sentire dolore sopprimendo l’impulso a scaricarsi. L’inserimento a scuola (es. dalla materna alle elementari), il cambiamento ambientale o delle abitudini, la vita più sedentaria, l’eccesso di televisione, computer o videogiochi possono essere causa di stitichezza.

Le feci si accumulano nell’ultimo tratto dell’intestino, il retto, e aumentando di volume e di consistenza rendono l’evacuazione difficile e dolorosa creando un circolo vizioso stipsi-dolore-stipsi. ?Un normale ritmo di evacuazione è considerato segno di benessere e qualsiasi variazione, spesso, diventa fonte di ansia per un genitore, ma diventa indispensabile sfatare falsi miti: non è necessario andare di corpo tutti i giorni.

corpo

Non esiste un numero preciso di evacuazioni giornaliere o settimanali che possa indicare esattamente se un bambino è o non è stitico. La frequenza varia in base all’età, all’alimentazione, alle situazioni emotive anche in rapporto a fattori ambientali.

Una dieta quantitativamente corretta e bilanciata con l’inserimento di alcuni cibi specifici può migliorare la funzionalità intestinale del bambino senza eliminare alcun alimento importante per la crescita.
?
Gli alimenti consigliati in questi casi sono: cereali integrali da preferire a quelli raffinati. Pane, pasta, riso, orzo, farro, verdura cruda e cotta. Frutta: preferire pere, albicocche, fichi e prugne. La frutta andrebbe consumata con la buccia (ben lavata). Utile anche la frutta cotta e la frutta secca (noci, nocciole, mandorle).

Latte, da preferire fresco, e yogurt da assumere quotidianamente, nelle quantità assegnate, fino ad un massimo di mezzo litro al giorno. Formaggi freschi o stagionati come il Grana Padano DOP usato anche per insaporire i primi e i passati di verdura al posto del sale.

 

crasso


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".