Denti dispersi ?

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Comportamento

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

dente

I ricercatori

del dipartimento di malattie orali e maxillofacciale dell'università di Helsinki, Finlandia, hanno misurato il rischio di incorrere in patologie cardiache, diabete e morte in base al numero di denti caduti, con uno studio che ha osservato una popolazione di 8.446 persone dai 25 ai 75 anni di età, seguite per 13 anni.

Gli studiosi hanno scoperto così che se si perdono almeno 5 denti il rischio di cardiopatie coronariche e infarto del miocardio aumenta dal 60 al 140%, mentre chi ne perde 9 o più ha anche un maggiore rischio di diabete (+ 31%) e morte per qualunque causa (+ 37%). Gli studiosi invece non hanno trovato alcuna relazione fra caduta dei denti e ictus.

"Anche perdere un paio di denti può indicare un aumento del rischio di cardiopatie, diabete e mortalità per qualsiasi causa - spiegano i ricercatori dell’università di Helsinki, autori dello studio pubblicato sul Journal of Dental Research - . Avere individuato il numero dei denti persi in reazione a tali patologie può divenire un nuovo indicatore utile ai medici nel fare diagnosi, predire rischi ed agire per tempo".

"Le patologie cardiovascolari e il diabete sono la principale causa di morte nel mondo e sono associate alle patologie infiammatorie del cavo orale, in particolare alle periodontiti - sottolinea John Liljestrand, autore dello studio - . La periodontite è una malattia infiammatoria cronica delle gengive ed è il principale motivo di caduta dei denti da adulti ed in terza età".


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".