Cancro

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Una recente ricerca fatta sulle leucemie rivela che usare il cancro contro il cancro funziona!

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Stanford

ha sfruttato alcune delle caratteristiche proprie dei tumori del sangue per trasformarli in potenziali killer del cancro.

In particolare, si sono concentrati su un tipo di leucemia che attacca i globuli bianchi, difensori del nostro organismo. Questo tipo di leucemia, oltre ad essere particolarmente aggressivo è anche resistente alle terapie.

Il team ha prelevato alcune cellule malate da un paziente affetto da leucemia. Con queste hanno avviato una ricerca in vitro. Volevano mantenerle in vita per poterle studiare. Ma presto si sono accorti che alcune di queste colture non si sono solo rivelate adatte.

Le cellule affette da leucemia messe in quei vetrini tendevano a cambiare in dimensione e tipo. Se da un lato infatti crescevano, dall’altro si trasformavano i macrofagi, cioè mangiavano le altre cellule.

Insomma, la coltura casualmente rimodulava il DNA delle cellule ospitate, trasformandole da cattive a buone e in potenti armi contro la leucemia.

Questa scoperta, se applicata a farmaci, potrebbe permettere al nostro sistema immunitario di stare dietro ai tumori.

Naturalmente non possiamo annunciare al mondo che si è trovata la cura per la leucemia, magari fosse così.

La scoperta fatta dai ricercatori di Stanford è relativa alle coltivazioni in vitro, e quindi a una fase altamente sperimentale. Ma rimane comunque un grande passo nella lotta ai tumori.


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".