Flogosi e dieta chetogenica

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Medicina naturale

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori della statunitense Yale School of Medicine rivela che mangiare meno e digiunare

può favorire la produzione di una molecola capace di spegnere l'infiammazione cronica.

Il Bhb, beta-idrossibutirrato, è una sostanza prodotta quando siamo a digiuno, a dieta o presi dall'esercizio fisico.

Essa agisce ostacolando la produzione di un'importante molecola che ha il compito di stimolare alcune parti della cellula preposte a combattere le infiammazioni.

In particolare, il beta-idrossibutirrato (Bhb) è prodotto in grandi quantità nelle persone colpite da malattie auto immuni, diabete di tipo 2, morbo di Alzheimer e arteriosclerosi.

"È una scoperta importante - commenta il professor Vishwa Deep Dixit, di stanza a Medicina comparativa presso la Yale School of Medicine – poiché metaboliti endogeni come il BHB, in grado di bloccare l'inflammasomaNLRP3, potrebbero rivelarsi di grande aiuto in una serie di contesti clinici, quelli delle malattie infiammatorie appunto e laddove vi siano delle mutazioni dei geni NLRP3".

I risultati dello studio suggeriscono che la dieta chetogenica, il digiuno (per Veronesi utile anche contro il cancro) o l'esercizio fisico ad elevata intensità, portano l'organismo a produrre metaboliti quali il BHB, in grado di ridurre l'inflammasoma NLRP3.

Vedi anche : Dieta VLCD , Dieta e genetica , Dieta e depressione , Dieta proteica , Cereali , Andrea Laiacona , Caffe' e dieta , la ristoratrice , ANDREA , Ritmonutrizione , Fame impulsiva , Offerta dieta .


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".