Caffe' e diabete

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in Alimentazione

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il rapporto annuale dell'Institute for Scientific Information on Coffee (Isic)

ha stabilito che un moderato consumo di caffè, 3-4 tazzine al giorno rigorosamente senza zucchero, può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 del 25%. Da preferire il decaffeinato Secondo i ricercatori dell'Isic, "è improbabile che sia la caffeina la sostanza responsabile di questo scudo preventivo, perché una recente meta-analisi ha suggerito che anche quando si consuma la qualità decaffeinata si verifica lo stesso una riduzione del rischio di diabete di tipo 2. Quindi - avvertono - è la qualità del caffè e come viene consumato ad essere responsabile dell'associazione favorevole con la malattia metabolica: il caffè filtrato ha un effetto maggiormente protettivo rispetto a quello fatto bollire e, infine, quello decaffeinato maggiore di quello normale".


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".