Influenza

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in MEDICINA

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Indice articoli

 

Sono stati isolati ancora pochi casi di influenza

e l'attività dei virus è a livello di base in Italia. La patologia "si fa attendere" come dice il virologo dell'Università di Milano, Fabrizio Pregliasco, all'Adnkronos. La causa è da ricercare nelle temperature ancora troppo alte per la stagione ma l'esperto aggiunge che ci sarà un'impennata dopo Natale.

Aumento casi dopo Natale - Ma quali sono le cause di questo "ritardo"? Pregliasco spiega che la causa sono le temperature ma che la situazione potrebbe presto cambiare: "Complice il clima, gli isolamenti non sono ancora molti e l'attività dei virus influenzali è a livello di base in Italia. Se le temperature continueranno a essere basse, però, possiamo aspettarci che il virus si farà sentire nelle prossime settimane, con l'aumento dei casi atteso dopo Natale, al rientro a scuola. Sono infatti i bambini, in genere, i più colpiti nelle fasi iniziali dell'epidemia".

Stagione influenzale intermedia - Pregliasco tratteggia le possibili caratteristiche delle infezioni: "Ci si aspetta una stagione influenzale intermedia, con 3,5 - 4 milioni di casi in Italia e 6 milioni di italiani colpiti dai virus "cugini" che da tempo imperversano. Anche se in questi giorni dagli Stati Uniti arriva qualche preoccupazione su una variante virale inattesa, l'H3N2, che potrebbe portare a un'epidemia più intensa del previsto". Comunque, conclude il virologo: "Nel nostro Paese finora i virus isolati sono quelli attesi".

 


 


 

Planisfero nuovi iscritti al sito www.studiocastellazzi.com

Seguici su Facebook

Traduci il sito per me

Traduci in ogni lingua per me

 

web

QR code

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".